30 MILIONI AL MESE, UN MILIONE DI EURO AL GIORNO PER MANTENERE I CLANDESTINI… E GLI ITALIANI SONO ALLA FAME

Spendiamo 30 milioni al mese per mantenere i migranti clandestini

Gli immigrati che non ottengono l’asilo fanno ricorso. Ma continuano ad essere ospitati nelle strutture d’accoglienza. Grimoldi: “Basta permettere i ricorsi”

Trenta milioni al mese, un milione al giorno: pagati dagli italiani. È questa la somma che ogni giorno lascia le casse dello Stato per rimpinguare quelle delle copperative che gestiscono i migranti.

I ricorsi dei migranti

Il contro è presto fatto: nel 2016, infatti, sulle 50.913 domande di asilo esaminate dalla Commissione territoriale, ben 30.367 sono state cestinate. I migranti che l’hanno presentate, infatti, non hanno i requisiti per ottenere lo status di rifugiato. Eppure, il sistema perverso della legge italiana permette a queste persone di presentare un ricorso. Sono clandestini, ma in attesa del giudizio di una Corte vantano ancora tutti i diritti di accoglienza che lo Stato mette a disposizione. E così i contribuenti continuano a sborsare i famosi 35 euro per i due anni (di solito) della durata del processo.

I conti sono preso fatti: 35euro al giorno per 30mila clandestini significano 30 milioni al mese, un milione al giorno tondo tondo. “Ministro Alfano ha qualcosa da dire a riguardo? – attacca l’on. Paolo Grimoldi – E’ normale spendere 1 milione al giorno per chi andrebbe espulso istantaneamente? Presentero’ subito una proposta di legge per chiedere al Governo di impedire la presentazione di questi ricorsi, una volta respinta la domanda di asilo, almeno per coloro che non provengono da Stati dove sono in corso guerre civili o conflitti bellici”

Facebook Comments