Durante un convengo alla Federico II di Napoli l’intervento del professor Marco Silano dell’Istituto Superiore di Sanità: “Nessuna tossicità”

Contrordine compagni, l’Olio di Palma fa bene. Dopo anni di guerre commerciali e bugie varie, ora un nuovo punto a favore della palma lo fa segnare un convegno organizzato dall’Università degli Studi Federico II di Napoli al dipartimento di Farmacia.

Nell’occasione il professor Marco Silano dell’Istituto Superiore di Sanità ha spiegato come tempo fa l’Iss abbia dato un parere sull’olio di palma, spiegando che “l’ingrediente non ha alcuna sostanza tossica di per sé”.

loading...

“L’olio di palma – ha spiegato all’Adnkronos Silano – contiene una quantità di acidi grassi saturi maggiore rispetto agli altri olii vegetali, al posto dei quali viene utilizzato (l’olio di semi di girasole, ad esempio, contiene il 15% di grassi saturi)”. E troppi grassi aumentano il “rischio cardiovascolare” certo. Ma è anche vero che l’olio di palma “può sostituire olii vegetali che hanno ancor più acidi grassi saturi (l’olio di cocco arriva all’80%, per esempio) e ha permesso eliminazione dei acidi grassi idrogenati trans, che hanno un effetto dannosissimo sulla salute cardiovascolare”.

Inoltre, spiega il professore dell’Iss, “esistono due grossi gruppi di acidi grassi saturi: quelli presenti negli alimenti non trasformati (carne di vario genere, formaggi, latte e uova) e quelli contenuti nei prodotti della trasformazione industriale, a cui è addizionato l’olio di palma”. Quindi la cosa importante non è eliminare l’olio di palma, ma limitarsi nell’assunzione di acidi grassi (quindi anche quelli che vengono dalla carne e dalle uova). Gli acidi grassi saturi non dovrebbero superare il 10% nella dieta giornaliera. Quindi “la criticità rientra nella quantità di acidi grassi saturi che compongono la dieta di una persona. Non basta eliminare un singolo prodotto, ma va valutata l’intera dieta”.

Certo, un problema esiste per quanto riguarda i “contaminanti che si formano durante i processi di raffinazione“, quando l’olio viene raffinato nei processi industriali. Rischi che però le aziende stanno affrontando e che potrebbe portare a breve all’eliminazione di questi contaminati.

loading...