SCOPRIAMO CHI È LAUREN SOUTHERN, LA GIOVANE ATTIVISTA CHE COMBATTE ISLAM, IMMIGRAZIONE E ONG

C’era anche lei nella barca che venerdì scorso ha cercato di fermare la nave Aquarius della Ong “Sos Mediterranée” nel porto di Catania: Lauren Southern, giovane giornalista che vive in Canada e sposa le battaglie della destra americana ed europea.

“Se i politici non fermeranno le imbarcazioni – diceva in diretta su Periscope durante il blitz – ci pensiamo noi a fermare le Ong”.

Bionda, affascinante, molto seguita sui social. Su Twitter raccoglie qualcosa come 273mila follower, gran parte dovuti alle sue manifestazioni pro-Trump.

Come accadde all’University of California di Berkeley, dove Lauren andò il 27 aprile scorso per protestare contro l’annullamento della conferenza dell’autrice conservatore Ann Coulter.

Insieme al collega Gavin McInnes, la Southern intrattenne il pubblico della destra statunitense al MLK Park leggendo un estratto del discorso che avrebbe dovuto tenere la Coulter nell’Ateneo “progressista”.

“Possono essere in grado di impedirci di parlare al campus – disse – potrebbero essere in grado di lanciare pugni, di spruzzarci spray al peperoncino, di buttarci contro mattoni, ma non possono fermare un’idea”.

E poi aggiunse: “Non possono fermare la storia di questa nazione e la nostra determinazione a difendere la libertà di parola”.

Nata nel 1995, ha lavorato per “The Rebel Media“, una quotidiano online canadese incardinato sui temi conservatori. Tra le altre cose, la Southern si è anche candidata per il Libertarian Party of Canada alle elezioni federali del 2015.

Gli studi li ha iniziati alla Fraser Valley, per poi abbandonarli e concentrarsi sulle sue battaglie politiche.

Alle elezioni del 2015 rischiò di non arrivare in fondo alla campagna elettorale quando i colleghi di partito protestarono per la sua manifestazione anti-femminista che divenne rapidamente virale suoi social.

Reintegrata poco prima del voto, perse la corsa elettorale ma guadagnò visibilità mediatica. Non solo.

Nel 2016 a Vancouver mentre sosteneva le ragioni anti-gender, sottolineando come in natura esistano solo il maschio e la femmina, un avversario le rovesciò un recipiente pieno di urina in testa.

Il forte seguito raccolto in anni di militanza le ha permesso di scalare rapidamente la vetta dei libri più venduti su Amazon a gennaio 2017, quando è uscito il suo libro su islam e immigrazione.

Nei giorni precedenti alla missioni anti-Ong a Catania, Lauren aveva realizzato un lungo reportage insieme a Generazione Identitaria. Che sull’idea di Nazione, Patria e identità fonda le sue battaglie. Un po’ le idee sposate dalla Southern.

Facebook Comments