TERREMOTO IN DIRETTA TV: LUCIANA LITTIZZETTO (SOVVERSIVA) CALPESTA FABIO FAZIO, ECCO COME LO HA RIDOTTO

Terremoto in tv, strazio in diretta: Luciana Littizzetto, come calpesta Fabio Fazio in diretta

Azzurra Noemi Barbuto per LiberoQuotidiano

È la signora più sovversiva della tv, perché ha frantumato il mito della diva quasi sovrumana, quella che – per intenderci – guarda dall’ alto in basso chi, a differenza sua, non vive sotto le luci della ribalta.

Luciana Littizzetto ha infranto i canoni della bellezza, violato tutte le obbligazioni estetiche a cui le donne si assoggettano senza mai osare metterle in discussione, ha fatto a meno del chirurgo plastico, ha capovolto dogmi e stereotipi, incluso quello opposto al concetto di “star”, ossia “la ragazza della porta accanto”, quella inconsapevolmente carina, insomma colei che, potrebbe essere figa, se solo si sapesse valorizzare.

Ecco, Luciana non è neanche questo, lei è piuttosto la vicina di casa racchia che infila il naso ovunque, piacevole quanto un gatto attaccato ai gingilli. Tuttavia, piace. E piace da matti a tutti: uomini e donne di ogni età.

Ma, soprattutto, Littizzetto è la prima donna dello spettacolo ad avere un valletto plurimilionario al suo fianco, pagato anche più di lei che – non possiamo non riconoscerlo – è la vera attrattiva del programma condotto da Fabio Fazio «Che tempo che fa», che da fine settembre tornerà in onda, facendo una piccola transumanza da Raitre a Raiuno. Valletto che, peraltro, – parliamoci chiaro -, in quanto a forma fisica lascia a desiderare non meno della comica torinese, la quale, raffrontata al suo collega, fa persino la sua porca figura.
Quando Luciana sta in panciolle sulla scrivania di Fabio, quest’ ultimo svolge la stessa funzione che ha Lucilio nelle lettere di Seneca, ovvero nessuna.

Potrebbe anche non esserci, non ne sentiremmo la mancanza. Invece, ci mancherebbe lei, qualora seduto a quel tavolo restasse solo Fazio, con la sua aria da pesce lesso, che ha anche un po’ stancato. Luciana non è bella ed è persino volgare, nel linguaggio, nelle pose, nelle allusioni, nei gesti, tuttavia è tanto brillante da scolorite il viso già pallido del conduttore del format.

Siamo sicuri che la bellezza sia così importante? Di certo non è un passepartout per ottenere il successo, o per raggiungere la felicità.

L’ intelligenza vale molto di più e non si ottiene attraverso il bisturi. O ce l’ hai o ti attacchi al tram. E lei ce l’ ha. Luciana coglie al volo il lato grottesco di ogni situazione o personaggio, arriva al nocciolo, spesso duro, della questione e lo espelle come fosse un gioco da ragazzi, con una battuta che – strano a dirsi – ci fa ridere semplicemente perché è vera.

Ci sono, in fondo, solo due modi di reagire alla miseria del mondo e alla stupidità umana: uno è piangere a catinelle, l’ altro è ridere a crepapelle.
Luciana Littizzeto ci spinge verso la seconda scelta. La migliore.

Facebook Comments
Loading...